Le nomine ai vertici dell’economia pubblica, in particolare della Cassa Depositi e Presiti: sarà questa una delle prime incombenze che il nuovo governo si troverà ad affrontare. Ma se a guidarlo dovesse essere il Movimento 5 stelle, si troverebbe a misurarsi per la prima volta su un terreno pieno di insidie. Di questo ha parlato il giornalista del Fatto Quotidiano, Giorgio Meletti, a margine di un suo panel al Festival internazionale del giornalismo di Perugia. “Ci sono dei circoli del potere economico che si stanno già muovendo – ha affermato – per ottenere dai vincitori delle elezioni e in particolare del M5s, che non ha mai avuto accesso al potere, un via libera su certi nomi, che garantiscano i tradizionali interessi che si sono costituiti negli scorsi decenni attorno alla Cassa depositi e prestiti”. La sfida per Luigi Di Maio e i suoi, dunque, potrebbe essere quella di capire “il nome che gli viene segnalato per una nomina è per qualità o se è un nome bacato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se il bancomat non funziona, qualcuno ha staccato la spina

prev
Articolo Successivo

Lavoro, scadono i primi contratti post Jobs Act. Cosa ha funzionato e cosa no

next