“Un Pd a trazione renziana non è per nulla disponibile a parlare col M5S. Un Pd a trazione diversa, ad esempio a trazione mattarelliana, franceschiniana o orlandiana, sarebbe forse più disponibile, se non altro a parlare, perché non è che parlando si fa un accordo”. Esordisce così a Otto e Mezzo (La7) il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel suo commento al primo giro di consultazioni sul governo. E aggiunge: “Il Pd è il secondo partito italiano e ci ha governati ininterrottamente dal governo Monti, cioè dal 2011. E’ il partito che con Berlusconi e con la Lega ha fatto la legge elettorale, ripristinando un sistema sostanzialmente proporzionale. Adesso siamo in un sistema proporzionale. Nei sistemi proporzionali” – continua – “dalle urne non esce chi va al governo e chi va all’opposizione, ma escono di solito dei partiti che poi devono coalizzarsi. Una volta che si è formata una coalizione, si può decidere di stare all’opposizione. Ma non può esistere un partito, che tra l’altro è il secondo in Italia, a decidere di stare già all’opposizione, perché non sa chi c’è in maggioranza. Non si sa nemmeno se ci sarà un governo”. Travaglio ribadisce: “A chi fa l’opposizione il Pd? In questa fase, in un sistema proporzionale, tutti dicono quello che preferiscono o quello che vogliono evitare. Ed è curioso che ci sia un partito che ha governato per 7 anni e che improvvisamente dice di non starci a prescindere. E’ un atteggiamento un po’ infantile ed è frutto di quel progetto renziano che, non contento di aver semidistrutto il partito, lo vuole polverizzare evidentemente”. E chiosa: “Poi ci sono anche gli uomini di Renzi, che dicono che vogliono fare un altro partito, sulla scia di En Marche, imitando Macron, il quale peraltro, a differenza del Pd, le elezioni le vince. Penso che sia giusto che il Pd sia dia un vertice renziano o meno e poi decida se appoggiare un governo col M5S o un governo di centrodestra, il che non è affatto escluso. Ma dire ‘non facciamo niente’ è contro le regole basilari del sistema proporzionale”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Mughini contro M5s e reddito di cittadinanza: “Di Maio non ha creato imperi come Berlusconi, né ha il curriculum di Mussolini”

next
Articolo Successivo

Consultazioni, Travaglio: “Pd renziano accetterebbe governo centrodestra”. Carofiglio: “M5s sbagliò a rifiutare proposta di Bersani”

next