Frantumata la lapide che intitola l’arena della Rocca di Montefiore Conca, nel riminese, all’ispettore della Polizia di Stato Filippo Raciti, morto nel 2007 durante gli incidenti scatenati da una frangia di ultras contro la Polizia alla fine di Catania-Palermo. Nella notte tra domenica e lunedì i vandali hanno spaccato a colpi di martello la targa.

“L’odio politico è capace di produrre la peggiore violenza” scrive la sindaca leghista Vallì Cipriani, che ai Carabinieri ha presentato una denuncia ricordando che da tempo “subisce in silenzio minacce anonime contro la sua persona, atti di vandalismo contro il suo operato, rabbia inaudita, insulti ed atteggiamenti di prepotenza difficilmente classificabile”.

Non è la prima volta che la lapide viene presa di mira: “Ancora una volta – aggiunge – con coraggio rimbocchiamoci le maniche in nome della giustizia, della verità, della legalità e della libertà di poter onorare la memoria dei nostri eroi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mauro Donato, il fotoreporter torinese ancora detenuto in Serbia: “È allarme per le sue condizioni psicofisiche”

next
Articolo Successivo

Milano, vandali nella sede dell’Istituto Pedagogico della Resistenza: finestre rotte e porte divelte. “Sia l’ultima volta”

next