A volte si presentava come un ragazzo a volte come uomo, adescava le sue vittime su Facebook e una 14enne ha subito anche violenza. Un 41enne di Modugno (Bari), già condannato per abusi su otto minori, è stato arrestato dalla Polizia Postale per adescamento di altre quindici ragazzine di età compresa fra i 10 e i 14 anni. L’uomo è in carcere da dicembre 2015 per la prima vicenda che, nel luglio 2017, gli è costata una condanna in primo grado a 8 anni e 8 mesi di reclusione.

Gli episodi si riferiscono a un periodo precedente alla sua carcerazione. Stando alle indagini della Polizia Postale, coordinate dal pm Simona Filoni, il pedofilo, utilizzando falsi account Facebook e fingendosi un adolescente di bell’aspetto, contattava le ragazzine sui social network con l’intento di instaurare rapporti affettivi e fiduciari, finendo per inviare loro filmati audio/video autoprodotti a sfondo sessuale. Per adescare le sue vittime, utilizzando differenti identità su altrettante chat, l’uomo talvolta si fingeva tale “Francesco Bho”, ragazzo innamorato e protettivo, e in altri casi si presentava come “Miki Lam”, uomo cattivo e aggressivo.

“Con una sorta di cinico gioco al rimbalzo di personalità, – spiegano gli investigatori – l’uomo entrava in contatto con le ragazzine, riuscendo a ottenerne l’incondizionata fiducia”. Dall’esame dei 180.000 messaggi sms, delle numerose chat Whatsapp e dei diversi dialoghi su Messenger rinvenuti, gli inquirenti sono riusciti a identificare le vittime le quali, sentite nella forma dell’ascolto protetto, hanno confermato quanto emerso dalle conversazioni virtuali e in un caso è stata accertata anche una violenza sessuale in danno di una ragazza poco più che quattordicenne. Al 41enne la Procura di Bari contesta i reati di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, adescamento, corruzione di minori e violenza sessuale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapani, anziana picchiata: arrestate due badanti. I vicini sentivano le urla ma non hanno mai chiesto aiuto

prev
Articolo Successivo

Napoli, il Comune vicino al crac a causa del debito per la ricostruzione post sisma ’81. La salvezza nelle mani del governo

next