Di Maio ha cambiato l’andamento del M5S, che adesso non è più movimento, ma un partito”. Inizia così a Dimartedì (La7) l’endorsement del fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, nei confronti di Luigi Di Maio. “Contrariamente a quello che io finora avevo pensato di tutto il M5S, che era nato per spianare tutti gli altri” – continua – “Di Maio ha dimostrato una intelligenza politica notevole, ha steso la lista dei ministri e l’ha voluta portare al Quirinale, segno che vuole costruire un governo sulla terra battuta. Lui ha anche detto da qualche parte che il suo vero alleato è il Pd, senza nominare Renzi, e che una parte notevole degli aderenti ai 5 Stelle proviene dall’elettorato di sinistra”. E aggiunge: “Facendo un’alleanza con il Pd, alleanza il cui capo è Di Maio, non è che ci sono due partiti, ma diventa un unico partito. Di Maio è il grande partito della sinistra moderna. Allora la faccenda cambia: io ho sempre votato a sinistra e, se lui diventa la sinistra italiana, voterò per questo partito. E se questo partito diventa di maggioranza assoluta, Mattarella ha un governo”. Poi si pronuncia anche sul leader della Lega: “Salvini è certamente più pericoloso di Di Maio, perché chiude ai migranti e incarna il populismo assoluto. Chi sceglierei tra Di Maio e Salvini? Un tempo li consideravo uguali. Nel senso che non si votano. Perché erano al centro uno della chiusura e l’altro del populismo, il movimento grillino. Oggi tra Salvini, che è quello di prima, e Di Maio che sembra radicalmente cambiato, sceglierei Di Maio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, Travaglio: “Questa legge elettorale è demenziale. Il partito che ha preso più voti non può governare”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Orlando: “Il 90 per cento del Pd è contrario all’accordo con il M5s”. Ma Zanda aveva detto: “Parliamo con tutti”

next