Luigi Di Maio si è presentato al Quirinale dove ha visto il segretario generale Ugo Zampetti. Il leader M5s ha chiesto un incontro per preannunciare l’invio di una lista di possibili ministri da sottoporre al presidente della Repubblica in caso di vittoria elettorale dei 5 stelle. La squadra di governo, come rivelato nelle scorse ore, è quasi chiusa e si attendono le ultime conferme. Di Maio dall’inizio della campagna elettorale ha promesso che avrebbe rivelato la lista prima delle elezioni per “distinguersi dagli altri partiti”. Si tratta di uno schema puramente informale del quale il Capo dello Stato, stando alle norme, non deve essere informato preventivamente. Ma il leader M5s ci tiene a mostrare a Mattarella la “serietà” del progetto per puntare a ricevere l’incarico la sera delle elezioni anche se il Movimento non raggiungerà la soglia del 40 per cento.

La visita mattutina al Quirinale è stata confermata dallo stesso Di Maio su Facebook. “Oggi”, ha detto, “sono stato al Quirinale su mia richiesta per cortesia istituzionale perché, come tutti sapete, è il presidente della Repubblica che ha la prerogativa di nominare i ministri su proposta del presidente del Consiglio incaricato. Per questa ragione ho ritenuto doveroso informare il Quirinale che noi la prossima settimana faremo una proposta di squadra di governo al presidente delle Repubblica e saranno le persone giuste al posto giusto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, lo sfottò di Sgarbi contro i 5 Stelle. Il video dal gabinetto: “Di Maio? partecipa, scegli, caga”

prev
Articolo Successivo

Jean Claude Juncker è stato lucidissimo. Ecco cosa ci aspetta dopo il voto

next