Un romeno che lavora in un’azienda agricola di Vittoria, nel ragusano, si appropria di una bombola di gas per riscaldarsi e il titolare, dopo averlo colto sul fatto, lo malmena, lo chiude in un garage, gli lega mani e piedi, lo appende ad una trave e lo prende a bastonate procurandogli diverse fratture. È l’incubo vissuto da un operaio romeno per mano del suo datore di lavoro, il consigliere comunale vicino al Pd Rosario Dezio, che ora si trova agli arresti domiciliari e deve rispondere di lesioni gravi, sequestro di persona e porto d’armi. Il 40enne Dezio è stato definito un “soggetto pericoloso” dal dirigente della Squadra mobile di Ragusa, Antonino Ciavola, e la sua azienda agricola, era già stata oggetto di controlli per il contrasto al caporalato ed allo sfruttamento della manodopera. Anche due familiari di Dezio e un suo collaboratore sono stati denunciati per aver contribuito a vario titolo, alla commissione dei reati. 

A denunciare l’incredibile storia di violenza e sfruttamento è stata la stessa vittima, che lo scorso 15 febbraio si è recata in commissariato denunciando il pestaggio e raccontando che altri suoi connazionali erano stati picchiati e feriti anche loro da Dezio. Sono così scattate le indagini, che hanno permesso di scoprire dentro una delle abitazioni fatiscenti ricavate nell’azienda, nascosto sotto le coperte e dolorante, un giovane romeno terrorizzato e sotto choc. Lo stesso imprenditore, spiegano gli investigatori, “in modo spavaldo ha ammesso di aver picchiato i romeni sorpresi a rubare una bombola di gas, senza però aggiungere con quali modalità lo aveva fatto”. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che i due operai a causa del forte freddo avevano rubato una bombola per riscaldarsi, ma erano sorpresi dall’imprenditore. Uno dei due era riuscito a nascondersi, mentre l’altro è stato brutalmente picchiato con il calcio di un fucile, pugni e colpi di bastone. Per impartire la “lezione”, Dezio aveva anche imbracciato il fucile, regolarmente detenuto, esplodendo alcuni colpi d’arma da fuoco per terrorizzarlo.

L’operaio, mentre Dezio ricaricava il fucile, però, era fuggito con il compagno lungo le serre. Dopo aver vagato per diverse ore, i due rumeni avevano trovato rifugio da un loro connazionale in un casolare abbandonato, dove l’indomani li aveva scovati l’imprenditore, che insieme a un suo collaboratore aveva seguito un connazionale delle vittime. Dentro il casolare è scattato il nuovo pestaggio. Dopo aver trascinato gli operai contro la loro volontà nell’azienda l’imprenditore aveva chiuso in un garage il ladro sorpreso a rubare la bombola, lo aveva legato mani e piedi e appeso a una trave. Una volta reso inerme, lo ha picchiato selvaggiamente con un bastone di legno, procurandogli lesioni e fratture in diverse parti del corpo giudicate guaribili in almeno 45 giorni. A liberare la vittima solo dopo un paio d’ore è stato un familiare dell’imprenditore, anche lui denunciato per aver preso parte al pestaggio in concorso morale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Erostrato, i due accusati di Cesiomaggiore si difendono: “Caccia alle streghe degli inquirenti. Ci siamo finiti dentro”

next