A oltre 20anni dal lancio e dopo un accurato “restyling”, arriva oggi sul Windows Store  il tanto atteso “Age of Empires: Definitive Edition“.

La riedizione dello storico strategico di Microsoft da ai fan la possibilità di rivivere l’esperienza del titolo originale con alcune “modernizzazioni” offrendo oltre 40 ore di campagne aggiornate (incluse quelle dell’espansione Rise of Rome), grafiche ed animazioni rinnovate incluso il supporto al 4k, restando comunque fedele ai modelli originali, una colonna sonora rimasterizzata, e, per gli amanti delle sfide competitive, il multiplayer online permetterà di darsi battaglia con altri 7 giocatori sfruttando la piattaforma Xbox Live.

Con la Definitive Edition arrivano anche alcune migliorie legate al gameplay stesso rispetto al gioco originale, alcune introdotte nei seguiti, come l’aumento del limite massimo di unità per giocatore da 50 a 250, le code di produzione per le costruzioni (assente nel titolo originale) con la possibilità di distribuirla su tutte le costruzioni dello stesso tipo, la ricerca delle unità inattive (sia cittadini che militari) e la possibilità di ripiantare rapidamente una fattoria esausta.

Per tornare sui campi di battaglia di Age of Empires i requisiti minimi  sono tutt’altro che alti, infatti basterà un PC con Windows 10, CPU Dual Core a 1,8GHz, una GPU Intel HD4000 (integrata) o equivalente, 4GB di RAM e 20GB di spazio sul disco, mentre per quelli consigliati si sale ad una CPU QuadCore a 2,5GHz, 16GB di Ram e GPU Nvidia GTX650/AMD HD5850 o superiori. Contenuto anche il prezzo, Age of Empires Definitve Edition è acquistabile in versione digitale sul Windows Store al prezzo di 19,99€.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Snapchat, l’aggiornamento che fa arrabbiare gli utenti: ora dominano disordine e pubblicità non desiderata

next
Articolo Successivo

Elezioni e hacker: i cyberattacchi influenzeranno il voto, ma non troppo

next