“Ho disgraziatamente trovato le stesse condizioni e criticità che avevo visto un anno fa, come ad esempio sulle lunghe permanenze in un centro che invece dovrebbe al massimo tenere le persone per 24-48 ore. Questo è veramente un elemento d’inquietudine”. Lo ha detto il Garante dei detenuti, Mauro Palma, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, a Lampedusa per una visita all’hotspot dell’isola. “Non è possibile che dopo un anno dalla nostra denuncia ci siano ancora i water senza porte e materassi sporchi, non c’è una mensa. Le condizioni riscontrate nel centro sono le stesse di un anno fa: quelle che già avevamo denunciato al ministero dell’Interno. Tutte le indicazioni di miglioramento non sono state colte”, aveva detto Palma in una conferenza stampa a Palermo, dopo la visita all’hotspot insieme al Garante regionale Giovanni Fiandaca. “Il centro di Lampedusa – ha aggiunto Palma ai microfoni di InBlu – presenta inoltre aspetti di ambiguità perché sembra essere un improprio centro di detenzione mentre dovrebbe essere solamente un hotspot cioè un posto dove le persone vengono identificate e dove devono stare pochissimo. Siamo all’interno di un’isola e quando viene dato ad alcuni migranti l’ordine di espulsione con l’obbligo di abbandonare in 7 giorni il territorio, questo determina solo una disperazione perché come si fa ad abbandonare un’isola senza niente? È in questo contesto che è avvenuto quel suicidio il 5 gennaio scorso”. E conclude: “Lampedusa è vista e gestita come fosse un’emergenza mentre invece la questione deve essere affrontata in modo sistemico cioè un qualcosa a cui dobbiamo abituarci ad affrontare con delle strutture stabili. Lampedusa continua ad essere la porta meridionale dell’Europa e sarà così anche per i prossimi anni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, firmata intesa tra Miur, Anci e Comitato 3 Ottobre: “Studenti visiteranno i centri di accoglienza del sistema Sprar”

next
Articolo Successivo

Molestie sessuali, New York Times: “Hillary Clinton coprì un suo consigliere nella campagna elettorale del 2008”

next