Il padre di Angelino Alfano è indagato dalla procura di Agrigento. C’è anche il nome di Angelo Alfano, il genitore del ministro degli Esteri, tra i 73 avvisi di proroga delle indagini notificati dall’ufficio giudiziario siciliano. Si tratta di una maxi incheista che ipotizza un’associazione a delinquere legata anche ad assunzioni a “Girgenti Acque“, società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti comuni della provincia della città dei Templo. Agli indagati vengono contestati a vario titolo l’associazione per delinquere, truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale.

La proroga è stata firmata dal procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e dai sostituti Salvatore Vella, Alessandra Russo e Paola Vetro. Oggi pomeriggio carabinieri e guardia di finanza sono andati in prefettura dove hanno effettuato perquisizioni e notificato l’atto al prefetto, Nicola Diomede, anche lui tra gli indagati.  Sono indagati anche l’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, l’ex presidente della provincia di Agrigento, Eugenio D’Orsi, deputati ed ex deputati, politici agrigentini, dirigenti pubblici, giornalisti e avvocati. Secondo i pm avrebbero beneficiato di assunzioni, per loro o per i propri familiari, da parte di Girgenti Acque in cambio di favori. L’indagine riguarda anche l’Hidrotecne, società di distribuzione acqua controllata da Girgenti acque. Sono indagati anche Marco Campione, presidente di Girgenti acque e Pietro Arnone, amministratore di Hidrotecne.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto popolari, De Benedetti: “Riforma segreto di Pulcinella, ma la commissione d’inchiesta è un boomerang per Renzi”

next