“Ero qui che guardavo la televisione con le mie figlie, quando ho sentito un urto e i vetri delle finestre andare in frantumi, sono subito corsa via con le bambine in un’altra stanza”. È il racconto di una delle abitanti delle palazzine del quartiere Falchera, a Torino, che nella notte di Capodanno hanno subito i danni della bomba carta fatta esplodere in cassonetto nel piazzale antistante e che ha causato il ferimento di 4 persone. 30 gli appartamenti danneggiati, famiglie con anziani e bambini costrette a dormire senza vetri alle finestre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferdinando Imposimato, morto il giudice del caso Moro e dell’attentato a Wojtyla. Candidato da M5s per il Quirinale

next
Articolo Successivo

Savona, si tuffa in mare dopo la lite con il fidanzato: scomparsa nella notte di Capodanno, ricerche ancora in corso

next