Nel 2014 a Casale Monferrato (in provincia di Alessandria) è nata la prima squadra di rugby italiana formata da rifugiati provenienti da dodici paesi diversi. L’idea è dal presidente della società casalese “Le tre rose”, Paolo Pensa che tre anni fa inizia a reclutare giovani rugbisti nei vari centri di accoglienza della zona: “Vedevo dei ragazzi che spesso erano ospitati in strutture dove non facevano nulla – racconta il presidente – così abbiamo pensato a creare questa opportunità per loro”. Quasi tutti non avevano mai visto una palla da rugby nei loro paesi d’origine, ma allenamento dopo allenamento si sono visti i primi progressi. “Il rugby mi ha insegnato la disciplina, ma anche a essere responsabile e un grande uomo in vita”.

Luca Patrucco è uno dei coach della squadra, che oggi milita nel campionato di serie C. “Mi hanno proposto di guidare la squadra proprio con l’idea immigrazione-integrazione, ma io non ci avevo mai pensato perché nel rugby è una cosa intrinseca. Io li ho sempre visti come dei giocatori, nient’altro. Nessuna differenza. E se il primo anno perdevamo le partite di 70,  adesso ce la giochiamo con tutti” dichiara. L’esperienza è sostenuta dall’amministrazione comunale che ha affidato la gestione del campo alla società e dalla Federazione Italiana Rugby.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ius Soli, scaricabarile tra il Pd e il M5s: “Non abbiamo i numeri”. “Ipocrisia”. E Avvenire: “Mossa da ignavi”

prev
Articolo Successivo

Parità di genere, nel libro per bambini “mamma stira e papà gioca a pallone”. Polemica in rete: “Va cambiata la rima”

next