Nel 2014 a Casale Monferrato (in provincia di Alessandria) è nata la prima squadra di rugby italiana formata da rifugiati provenienti da dodici paesi diversi. L’idea è dal presidente della società casalese “Le tre rose”, Paolo Pensa che tre anni fa inizia a reclutare giovani rugbisti nei vari centri di accoglienza della zona: “Vedevo dei ragazzi che spesso erano ospitati in strutture dove non facevano nulla – racconta il presidente – così abbiamo pensato a creare questa opportunità per loro”. Quasi tutti non avevano mai visto una palla da rugby nei loro paesi d’origine, ma allenamento dopo allenamento si sono visti i primi progressi. “Il rugby mi ha insegnato la disciplina, ma anche a essere responsabile e un grande uomo in vita”.

Luca Patrucco è uno dei coach della squadra, che oggi milita nel campionato di serie C. “Mi hanno proposto di guidare la squadra proprio con l’idea immigrazione-integrazione, ma io non ci avevo mai pensato perché nel rugby è una cosa intrinseca. Io li ho sempre visti come dei giocatori, nient’altro. Nessuna differenza. E se il primo anno perdevamo le partite di 70,  adesso ce la giochiamo con tutti” dichiara. L’esperienza è sostenuta dall’amministrazione comunale che ha affidato la gestione del campo alla società e dalla Federazione Italiana Rugby.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ius Soli, scaricabarile tra il Pd e il M5s: “Non abbiamo i numeri”. “Ipocrisia”. E Avvenire: “Mossa da ignavi”

next
Articolo Successivo

Parità di genere, nel libro per bambini “mamma stira e papà gioca a pallone”. Polemica in rete: “Va cambiata la rima”

next