“Spelacchio” non ce l’ha fatta. L’albero di Natale comprato per 48mila euro dal Comune di Roma è sostanzialmente morto, per questo versa in condizioni così disastrose da far scattare, implacabile, l’ironia sui social. L’abete rosso che avrebbe dovuto abbellire piazza Venezia è infatti privo di radici, ma come spiega il Campidoglio al Corriere della Sera, di fatto questa è “la prassi” per qualsiasi albero installato nelle piazze delle città italiane durante le Festività.

Perché il trasporto avrebbe “costi spopositati” oltre all’utilizzo di un macchinario “che si trova in Germania”. Ma sulle condizioni di salute del moribondo “Spelacchio”, la Magnifica comunità di Fiemme – rifornire ufficiale del Comune di Roma da ormai dieci anni – garantiscono che “quando è partito era in ottima salute, perfetto”. Anche perché, spiegano, “gli alberi vengono selezionati secondo stringenti criteri estetici“.

Come avvenuto lo scorso anno, nel 2015 e così via, l’abete è stato tagliato, legato, trasportato e arrivato nella Capitale rimesso in piedi e addobbato, dice sempre al Corriere uno dei tecnici della Magnifica comunità di Fiemme. “Qualcosa è successo. È evidente – dice Stefano Cattoi dell’Ufficio tecnico forestale – Uno stress troppo grande”. Perché, senza radici, solitamente, l’abete resiste “tranquillamente un mese, un mese e mezzo”.

Così nell’occhio del ciclone è finita la Ecofast Sistema, ditta che si è occupata del trasporto dell’albero e che nella Capitale gestisce anche tre zone verdi tra Gianicolo, Balduina e Castel Sant’Angelo che non versano in condizioni splendenti. Ma, interpellata dal Corriere, l’azienda non ha fornito risposte sulle cure riservate al moribondo “Spelacchio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittorio Emanuele III non ha meriti con gli italiani, i Savoia che vogliono il Pantheon sono fuori dalla realtà

prev
Articolo Successivo

Cremona, alle elezioni per la Consulta degli Stranieri va a votare solo il 7%. Lega: “Ente che non interessa a nessuno”

next