“Il nostro riformismo è di centro destra o di centro sinistra? Guardi è come chiedere se la Nutella è di destra o di sinistra, e il bombolone? Io dico che la nostra è stata una azione di governo straordinaria che ha portato a riforme importanti per il paese. Il riformismo è riformista e basta”. Così Beatrice Lorenzin a margine del convegno sull’Europa promosso da Francesco Rutelli a Roma. La ministra della Salute, che in molti già vedono al posto di Angelino Alfano alla guida di Ap, ha assicurato che “non ci sono rischi di scissione, io lavoro e sono per l’unità”, smentendo lo stesso leader. Quanto all’annuncio di Alfano di non volersi ricandidare alle prossime elezioni, la ministra aggiunge: “E’ una decisione che rispetto sul piano umano fermo restando che rivendico tutto quanto fatto in questi anni. Ha deciso di non candidarsi ma non di abdicare alla politica. Per quanto riguarda l’esperienza di governo dico che grazie solo alla nostra presenza noi non abbiamo avuto un governo populista”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, effetto Grasso ma non troppo: Liberi e uguali al 6. Pd sulla soglia del 24, centrodestra al 36. M5s primo partito

next
Articolo Successivo

Renzi e il piano B: avanti tutta con lo ius soli (fiducia compresa). E alleanza con tre gambe: Bonino, ex Sel e Lorenzin

next