Il tasso di disoccupazione a ottobre è rimasto stabile all’11,1% già registrato nel mese di settembre. Diminuisce invece la disoccupazione giovanile. Per la fascia tra i 15 e i 24 anni il tasso si è attestato al 34,7%, il livello più basso da giugno 2012 e in calo di 2,5 punti su ottobre 2016 e di 0,7 punti su settembre. È quanto emerge dai dati provvisori diffusi dall’Istat, che precisa come la stabilità dell’occupazione nell’ultimo mese sia frutto di un calo tra i 25-49enni e di un aumento tra gli ultracinquantenni. Questo aumento è dovuto ai dipendenti a termine.

A ottobre i disoccupati erano 2.879.000, in calo di 4mila unità rispetto a settembre e di 140mila unità rispetto a ottobre 2016. Il numero dei lavoratori è rimasto stabile rispetto a settembre, ma su base annua si conferma una crescita di 246mila persone al lavoro. Lo scorso mese avevano un impiego 23.082.000 persone, 5mila in meno rispetto a settembre. La crescita si concentra tra i lavoratori dipendenti, +387mila, di cui 347mila a termine e 39 mila permanenti, mentre calano gli indipendenti (-140mila).

In valori assoluti, ad aumentare sono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+340mila) ma registrano una crescita più lieve anche i 15-34enni (+29mila), mentre calano in modo significativo i lavoratori nella fascia 35-49 (-123mila). In particolare, tra i 25 e i 34 anni si registra un avanzamento di 11.000 unità mentre tra i 15 e i 24 anni c’è un aumento di 18.000 occupati.

Se si guarda al genere il tasso di occupazione tra gli uomini è al 67,3% (+0,1 punti sul mese, +0,6 punti sull’anno), mentre il tasso di occupazione femminile è al 49% (invariato su settembre, +0,7 sull’anno). Il tasso di inattività tra i 15 e i 64 anni è rimasto stabile al 34,5% rispetto a settembre e in calo di 0,3 punti rispetto a ottobre 2016. Ma nel complesso comunque, diminuiscono sia i disoccupati (-4,6%, -140 mila) sia gli inattivi (-1,4%, -183 mila). L’istituto statistico precisa che, al netto dell’effetto della componente demografica tuttavia, su base annua cresce l’incidenza degli occupati sulla popolazione in tutte le classi di età.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Robot e lavoro, ricerca di Legambiente: “Per il 65% degli italiani l’automazione rappresenta un pericolo”

prev
Articolo Successivo

Amazon, Tribunale Milano impone reintegro lavoratrice infortunata: “Non rispettate condizioni di sicurezza”

next