Travaglio dice che Berlusconi ha dimostrato in tutti i modi di non essere adeguato alla cosa pubblica? Non è vero. Sotto il suo governo le cose sono andate, più o meno, come andavano negli altri governi”. Così a Dimartedì (La7) il fondatore di Repubblica, Eugenio Scalfari, risponde al direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, intervenuto pochi minuti prima nella trasmissione. Scalfari spiega di aver paragonato Berlusconi al criminale londinese Mackie Messer, personaggio de “L’opera da tre soldi” di Brecht. E aggiunge: “Mi pare, però, che Travaglio e altri non dicano che io ho messo una condizione all’eventuale alleanza tra Pd e Berlusconi: che quest’ultimo chiuda con Salvini. La politica una cosa diversa dalla morale. La politica non è un fatto morale, è un fatto di governabilità. Non lo dico io. Lo ha detto Aristotele e prima di lui Platone, per il quale quelli che facevano politica erano i filosofi. Che cosa poi i filosofi fossero moralmente – continua – era un problema che né Platone né Aristotele prendevano in considerazione. Aristotele fu insegnante di politica di Alessandro Magno, il quale della morale se ne fotteva nel più totale dei modi”. Scalfari ribadisce i suoi dubbi circa il fatto che il M5S sia meglio di Berlusconi sotto il profilo morale e politico. E commenta: “Chissà perché i grillini si chiamano 5 Stelle. Perché cinque? Perché stelle?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Travaglio: “Renzi? I suoi fan credono a qualsiasi cosa, anche alla fake news sulle fake news”

prev
Articolo Successivo

Roma, Augias: “Città perduta, amministrazione Raggi patetica, popolo romano allo stato selvaggio”

next