“Sono contento. Fino a qualche mese fa non era così scontato. Anzi, nel frattempo si è anche allargato il fronte di forze politiche che voteranno a favore”. A parlare è Andrea Franzoso, il whistleblower che ha denunciato le “spese pazze” in Ferrovie Nord e che ha raccontato la sua vicenda ne “Il Disobbediente” (Paper First), oggi a margine della conferenza in merito al disegno di legge sul whistleblowing, che prevede l’introduzione di tutele per i lavoratori che denunciano corruzione e malaffare e che arriverà in aula in settimana. “Insieme a Pd, sinistra e M5s si aggiungono ora Fratelli d’Italia e Lega Nord”. Presenti alla conferenza anche Francesca Businarolo (M5s), David Ermini (Pd), Roberto Simonetti (Lega Nord) e Walter Rizzetto (Fratelli d’Italia). “Il testo è migliorabile”, dice Franzoso. “Il lavoratore privato sarà meno tutelato di quello pubblico, ma è certamente un inizio”