Uccise la fidanzata con 42 colpi il 6 ottobre del 2015. Il gup di Catania, Loredana Pezzino, ha condannato Luca Priolo, il 26enne che ammazzò Giordana Di Stefano, di 20 anni, dalla quale aveva avuto una bambina di 4 anni. Il giudice ha riconosciuto un risarcimento civile ai genitori, alla sorella e alla figlia di Giordana Di Stefano, che ha perso il cognome del padre per assumere quello della madre, assistiti dall’avvocato Ignazio Danzuso, e al centro antiviolenza Galatea, con l’avvocato Mirella Viscuso.

Il processo è stato celebrato col rito abbreviato. Priolo, che ha confessato il delitto, dopo l’omicidio è fuggito ma, grazie a indagini dei carabinieri di Catania, è stato individuato a Milano e arrestato da militari dell’Arma alla stazione ferroviaria. Il giovane continua a “negare la premeditazione”, ribadendo che il movente è da collegare a “un raptus” dovuto alla “volontà di lei di non revocare la denuncia per stalking” nei suoi confronti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, corruzione: arresti domiciliari per l’imprenditore Alfredo Romeo e per dg dell’ospedale Cardarelli

next
Articolo Successivo

Federico Cafiero de Raho nuovo procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo

next