“Commovente lettera di Gesualdi. Spero che la prossima capigruppo calendarizzi il testamento biologico e che l’Aula possa esprimersi presto sul tema”. Nel silenzio della politica e delle istituzioni di fronte all’appello dell’allievo di Don Milani Michele Gesualdi, ex presidente della provincia di Firenze oggi malato di Sla, a pronunciarsi su Twitter è stato il presidente del Senato Pietro Grasso. Il provvedimento giace in commissione Sanità sperando, con poche chance, di essere calendarizzato a Palazzo Madama prima della fine della legislatura. Il problema è che, malgrado i continui annunci e le promesse in concomitanza di ogni storia che finisce in prima pagina, i partiti temono di doversi occupare di questo tema a ridosso della campagna elettorale.

Gesualdi, in una lettera indirizzata ai presidenti di Camera e Senato, ha definito la sua condizione come “l’inutile tortura del condannato a morte” e ha chiesto un’accelerazione della legge sul testamento biologico: “Non si tratta di favorire l’eutanasia, ma solo di lasciare libero l’interessato di scegliere di non essere inutilmente torturato”. L’unico a rispondere per il momento è stato Pietro Grasso. Sul tema il presidente del Consiglio nei giorni scorsi aveva usato parole di prudenza, associando il ddl per il biotestamento a quello sullo ius soli: “Ci proviamo”, ha dichiarato. Grasso invece, solo la settimana scorsa ha annunciato la sua uscita dal gruppo dem, e per molti è dato tra i papabili candidati di Mdp alle prossime elezioni.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, il dramma di Gesualdi diventa battaglia civile. Così Barbiana torna scomoda per la politica e la Chiesa

next
Articolo Successivo

Case popolari assegnate agli immigrati, i numeri contro i miti

next