Un uomo è stato fermato dalla polizia e portato in questura nell’ambito delle indagini sul clochard aggredito e bruciato ieri sera a Torino. Secondo alcuni testimoni all’origine del gesto c’è una lite tra senza tetto. Il fatto è accaduto intorno alle 21.30 in un giardino pubblico del capoluogo piemontese. La vittima, un romeno di 60 anni, è stato portato all’ospedale San Giovanni Bosco dagli operatori del servizio 118. L’uomo si trova ricoverato in rianimazione con ustioni di secondo e terzo grado al volto, che interessano anche la gola e le vie respiratorie. La sua prognosi resta riservata. 

“Sono stati degli sconosciuti“, ha detto il 60enne ai soccorritori. Secondo le prime ricostruzioni gli aggressori gli hanno gettato addosso del liquido infiammabile, per poi dargli fuoco. Un amico dell’uomo, anche lui senza tetto, ha raccontato che la vittima frequentava spesso i giardini Madre Teresa di Calcutta, quartiere Aurora, dove si è verificato il fatto. “Viene qui spesso, si mette a dormire sulla panchina – ha detto Mihai Sogea – È un tipo tranquillo. Le persone gli danno da mangiare, gli portano del pane e dell’acqua. Mai avuto problemi. Nessuno ci ha mai infastiditi”.

Sull’episodio sta indagando la polizia. La zona dei giardini pubblici dove ieri sera si è verificato il fatto, vicino al fiume Dora, è a forte presenza di immigrati stranieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, ex carabiniere Placanica prosciolto dalle accuse di violenza sessuale

prev
Articolo Successivo

Enna, il neopresidente di Coldiretti condannato per ricettazione: “Ha trafugato capitelli romani da una chiesa”

next