Vis-à-vis serrato a Otto e Mezzo (La7) tra Marta Fana, ricercatrice in economia presso l’istituto di studi politici di Sciences Po a Parigi e collaboratrice de Il Fatto Quotidiano, e Alessandra Del Boca, professoressa ordinaria di Politica economica all’Università di Brescia. Il dibattito, a cui partecipa l’ex ministro del Lavoro Enrico Giovannini, è l’occasione per mettere a confronto i libri delle due economiste: da un lato, Non è lavoro, è sfruttamento” (ed. Laterza) di Marta Fana, dall’altro “L’ inganno generazionale. Il falso mito del conflitto per il lavoro” (Università Bocconi Editore), scritto da Alessandra Del Boca e da Antonietta Mundo. La docente di Politica economica asserisce che in Italia ci sono molti posti di lavoro vacanti e loda il Jobs Act: “Io lo vedo come un vantaggio e una cosa positiva per il mondo del lavoro. C’è maggiore mobilità del lavoro e vedo che oggettivamente si sono creati posti di lavoro. Non credo affatto che si siano persi per strada molti diritti. Penso proprio di no”. Marta Fana obietta: “Veramente abbiamo perso l’unica vera e reale tutela all’interno del mondo del lavoro, ovvero la possibilità di avere il diritto a un lavoro nel caso di licenziamento illegittimo. E’ l’art. 18. Poi se ne può discutere, ma è evidente. Con il Jobs Act si è registrata una esplosione del lavoro a chiamata, è stata depenalizzata la somministrazione illecita di manodopera e in un anno quegli illeciti sono aumentati del 273%. Oltre alla liberalizzazione del 2001 con il decreto 368 di Sacconi sul tempo determinato” – continua – “oggi ci ritroviamo che, finiti gli sgravi, è aumentato il lavoro a termine con tanti elementi di sotto-occupazione, perché abbiamo una incidenza elevatissima del part-time involontario. E qual è la qualità del lavoro? Eurofound dice che, dopo la Romania, siamo il Paese in Europa con il più alto tasso dei poveri che lavorano. Oggi devo fare due o tre lavoretti per raggiungere 1000 euro al mese. Fino a 10 anni fa parlavamo di ‘generazione 1000 euro’, ora diciamo ‘generazione 350 euro’, con esplosione di tirocini avallati dalla politica. Basti pensare anche all’alternanza scuola-lavoro e al lavoro gratuito. Quindi, non è vero che col Jobs Act non ci sia stato un impatto sui diritti”. Del Boca non ci sta: “Per l’impresa è aumentata la certezza del diritto, nel momento in cui un rapporto di lavoro deve essere concluso. E questo ha permesso di assumere e di licenziare”. “Quella non è certezza del diritto” – replica Fana – “ma certezza dei costi per le aziende”. “Prima, per una causa di lavoro, una impresa per 7 anni doveva stare incerta”, ribatte Del Boca. “Anche i lavoratori” – puntualizza la ricercatrice – “Non è lo stesso problema, mi scusi?”. “Lo capisco” – risponde la docente – “ma quello che accadeva prima del Jobs Act aveva un impatto serio sull’attività economica. Ora invece abbiamo un impatto positivo e continueremo ad averlo”. Nel finale, Marta Fana chiede lumi ad Alessandra Del Boca sulle sue parole entusiastiche riguardanti la maggiore mobilità del lavoro. Si registra un piccolo battibecco e Del Boca precisa: “Ho scritto questo libro con Antonietta Mundo letteralmente per mettere me stessa al servizio di un milione e 300mila giovani che non trovano lavoro“. “Sembra una minaccia“, commenta ironicamente Marta Fana

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rosatellum bis, Gualmini (Pd) vs Travaglio: “Non c’era scelta, referendum 4 dicembre fu bocciato”. “Cosa c’entra?”

next
Articolo Successivo

Rosatellum bis, Meli (Corriere): “Prendetevela con la Corte Costituzionale, è colpa sua. Vittoria M5s alle politiche? Emigrerò”

next