Solo due cuccioli sopravvissuti, tutti gli altri sono morti di stenti. È allarme in Antartide per la disastrosa stagione riproduttiva dei pinguini di Adelia. Una colonia composta da oltre 18mila coppie, nella piccola isola Petrel, quest’estate ha visto sopravvivere solo due pulcini, mentre tutti gli altri neonati sono morti di stenti. La colpa, spiegano i ricercatori francesi, è da ricercarsi nelle condizioni meteo, in particolare in un ghiaccio marino particolarmente esteso che ha costretto i genitori a viaggiare per 100 chilometri in più in cerca di cibo, lasciando i piccoli esposti al freddo e alle piogge.

L’Antartide nel suo complesso, nell’estate scorsa, ha registrato un record per la scarsa estensione di giaccio marino. L’area dove ha nidificato la colonia di pinguini, sulla piccola isola di Petrel, ha però fatto eccezione. Per raggiungere il mare e nutrirsi di krill (piccoli gamberetti), i pinguini hanno quindi dovuto percorrere distanze molto più lunghe, allontanandosi dai piccoli più a lungo. Un evento simile era avvenuto anche nel 2013, anno in cui nessun pulcino sopravvisse.

In questo quadro, il Wwf fa sapere che sosterrà la richiesta alla comunità internazionale per istituire una specifica area marina protetta nelle acque dell’Antartide orientale. La richiesta sarà avanzata in occasione del meeting della Commissione per la conservazione delle risorse marine antartiche in programma a Hobart, in Tasmania, il 16 ottobre prossimo. Nel corso della riunione sarà vagliata la proposta dell’area marina, guidata da Australia e Francia con il supporto dell’Unione Europea. “Non possiamo in alcun modo correre il rischio di aprire questa zona alla pesca esplorativa di krill che è l’alimento base dei pinguini”, ha detto Rod Downie, responsabile del Programma polare del Wwf Internazionale. “È cruciale che Commissione agisca ora, istituendo una nuova area protetta e proteggendo in questo modo la casa dei pinguini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Centrali nucleari francesi non sicure”: il rapporto che non può essere pubblicato. La prova: Greenpeace entra a Cattenon

next
Articolo Successivo

Centrali nucleari insicure, il rapporto Greenpeace vuole aprire il dibattito

next