Due dipendenti di ‘Sanitaservice‘, società ‘in house providing’ della Asl Bari ed attiva anche presso il Policlinico universitario, sono stati arresati dai carabinieri in un’operazione antiusura e antiassenteismo nella quale sono stati complessivamente arrestati sette indagati e notificati 16 provvedimenti interdittivi dal servizio. In particolare – secondo l’accusa – i due dipendenti di Sanitaservice, in numerose circostanze, non si sono presentati al lavoro e, durante l’orario di servizio, hanno incontrato le proprie vittime dalle quali hanno riscosso le mensilità dei prestiti erogati o stipulato nuovi accordi usurari. Tuttavia i due riuscivano ugualmente a far risultare la loro presenza in servizio, grazie alla complicità di loro colleghi che timbravano il loro badge.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Treni merci, polemica sui 10 euro ai macchinisti che saltano la pausa pranzo per evitare i ritardi

prev
Articolo Successivo

Marcia su Roma il 28 ottobre, Minniti: “Non ci sarà nessuna manifestazione”. Forza Nuova: “Noi comunque in piazza”

next