Sono almeno dieci i morti e centinaia i feriti causati dagli incendi che dalla scorsa notte stanno devastando la California settentrionale. Il fuoco ha bruciato almeno 1.500 case e strutture commerciali in otto contee dello stato americano, come ha spiegato Ken Pimlott, capo del dipartimento della California Forestry and Fire Protection, l’agenzia anti-incendi dello stato. La città con il maggior numero di decessi è Santa Rosa, il centro più grande della contea di Sonoma, dove sono state registrate 7 morti su 10. Si contano poi due vittime nella Napa Valley e un’altra nel contea di Mendocino, dove sono rimaste ferite anche due persone. Il Governatore della California Jerry Brown ha dichiarato lo stato di emergenza in queste aree e a Yuba County. Ventimila persone sono state evacuate.

I roghi, alimentati dalle alte temperature e dal vento forte, hanno finora mandato in fumo 38mila ettari di vegetazione. Danni ancora più gravi se si pensa che la contea di Sonoma è il più grande produttore della regione del vino della CaliforniaAmy Head, portavoce della California Fire, ha spiegato la straordinarietà del fenomeno: “Abbiamo spesso più incendi che si sviluppano insieme, ma il fatto che la maggior parte di quelli in corso siano iniziati tutti nello stesso periodo di tempo, nella stessa notte, è qualcosa che non ha precedenti. Si tratta di roghi  molto distruttivi”. Secondo l’agenzia anti-incendi, in 24 ore sono scoppiati 17 grandi incendi, la maggior parte dei quali nel nord della California, e solo due sono stati in minima parte contenuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catalogna, oggi il discorso di Puigdemont al Parlamento. La sindaca di Barcellona: “Lasciare spazi di dialogo”

next
Articolo Successivo

Dalla Catalogna alla Lombardia, perché fare un referendum per l’indipendenza non ha senso

next