Ha rapinato un supermercato alla periferia di Roma armato di mannaia ma è stato bloccato da un immigrato e poi arrestato dai carabinieri. È successo il 26 settembre a Centocelle, periferia est della Capitale. Il rapinatore, un romano di 37 anni, armato di mannaia è entrato nel supermercato e si è diretto alle casse. Minacciando i dipendenti con la mannaia si è fatto consegnare il denaro. Uscito dal negozio però si è imbattuto in un migrante che lo ha affrontato. Lo straniero gli ha urlato contro e, dopo un’iniziale scambio di parole tra i due, il giovane lo ha disarmato, lo ha seguito fino allo scooter con cui il rapinatore stava per darsi alla fuga e con una mossa lo ha fatto rovinare a terra. Il rapinatore, a quel punto, è stato afferrato per il giubbotto, poi, grazie all’aiuto di altre persone che avevano assistito ala scena è stato immobilizzato: ha tentato persino di divincolarsi ma i carabinieri arrivati sul posto lo hanno arrestato. A incastrarlo, oltre alle testimonianze, anche le immagini delle telecamere di sorveglianza del supermercato che hanno ripreso le concitate fasi della rapina: hanno infatti immortalato il 37enne diretto alle casse con il volto coperto da passamontagna, occhiali e casco mentre minacciava con la mannaia i dipendenti per farsi consegnare il denaro. Il rapinatore è stato trattenuto in caserma, dove rimane a disposizione dell’autorità giudiziaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, donna vittima di un tentato stupro si salva suonando il clacson

prev
Articolo Successivo

Treviso, mamma investita sulle strisce: ha fatto da scudo ai suoi figli. È in coma

next