È stato inaugurato questa mattina al carcere “Lorusso-Cotugno” di Torino il Festival “LiberAzioni” che per tre giorni porterà eventi culturali ed artistici all’interno delle mura della casa circondariale e nel quartiere che la ospita. “Il Festival sceglie le arti come mezzo di comunicazione tra le istituzioni carcerarie e i quartieri in cui sorgono – raccontano gli organizzatori – e vuole far conoscere all’esterno quali sono le condizioni carcerarie”. Una situazione che, come denunciato dall’associazione Antigone nel suo rapporto annuale, ha l’aumento del numero dei suicidi e un ritorno del problema del sovraffollamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, presidente Msf: “Stupri e torture nei centri di detenzione in Libia. I leader Ue complici dello sfruttamento”

next
Articolo Successivo

Sesso e disabilità, perché l’assistente sessuale è un passo avanti per la civiltà

next