È stato inaugurato questa mattina al carcere “Lorusso-Cotugno” di Torino il Festival “LiberAzioni” che per tre giorni porterà eventi culturali ed artistici all’interno delle mura della casa circondariale e nel quartiere che la ospita. “Il Festival sceglie le arti come mezzo di comunicazione tra le istituzioni carcerarie e i quartieri in cui sorgono – raccontano gli organizzatori – e vuole far conoscere all’esterno quali sono le condizioni carcerarie”. Una situazione che, come denunciato dall’associazione Antigone nel suo rapporto annuale, ha l’aumento del numero dei suicidi e un ritorno del problema del sovraffollamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, presidente Msf: “Stupri e torture nei centri di detenzione in Libia. I leader Ue complici dello sfruttamento”

next
Articolo Successivo

Sesso e disabilità, perché l’assistente sessuale è un passo avanti per la civiltà

next