Decine di edifici storici abbandonati. Molti dei quali privi del solaio, dopo i crolli che si sono verificati. Negli anni si sono trasformati letteralmente in discariche a cielo aperto, pieni di cumuli di spazzatura accumulati all’interno. Vicoli antichi pieni di buche e strade dissestate. È ridotto da oltre vent’anni in questo stato il centro storico di Cosenza, la città del filosofo e matematico Bernardino Telesio. Si teme che basterebbe una scossa di terremoto di bassa intensità per causare nuovi disastri e tragedie. Tra problematiche strutturali, disagio sociale e povertà, una delle situazioni più preoccupanti è quella di un edificio adiacente al Duomo di Cosenza, e all’ingresso dell’area archeologica voluta dall’allora sindaco Giacomo Mancini, a inizi del Duemila. All’ultimo piano di uno stabile antico vivono due fratelli. Per accedere al loro appartamento bisogna attraversare delle travi di legno su uno strapiombo. E dopo l’incendio del 18 agosto dove hanno perso la vita tre persone e un cane, e il nuovo crollo del 28 agosto nel quartiere Santa Lucia, l’emergenza continua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giugliano, il parco archeologico di Liternum chiuso e incustodito. Dentro erbacce e abitazioni abusive

prev
Articolo Successivo

Stupri Rimini, la video-ricostruzione della polizia: tutti gli spostamenti degli aggressori

next