“Una soluzione per tutti”. A partire da un tavolo interistituzionale tra ministero, Regione Lazio e Comune di Roma. La richiesta ufficiale è stata presentata nel primo pomeriggio e protocollata ufficialmente presso la prefettura di Roma da una delegazione composta da un rappresentante dei rifugiati sgomberati da via Curtatone, Eyobe, una rappresentante degli sgomberati di Cinecittà ora accampati presso la chiesa dei SS. Apostoli a due passi da piazza Venezia, Aisha, e Margherita Grazioli dei Movimenti dell’abitare. “Ci hanno detto che un riscontro dovrebbe arrivare già nelle prossime ore”, dice Margherita Grazioli davanti alla prefettura. “Vogliamo un tetto per tutti e delle risposte”, spiegano. “Quello che ci hanno proposto non ha senso”, racconta Aisha. “Non voglio andare in una casa-famiglia: è una prigione per me e per i miei figli, e in più è disponibile per pochi mesi. E dopo? E il loro papà nel frattempo che fa? Resta per strada?”. I rifugiati di via Curtatone sono ancora accampati in piazza Madonna di Loreto, davanti all’altare della Patria di piazza Venezia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, Viminale espelle marocchino. “Esultò dopo la strage del Bardo e disse di poter avvelenare la rete idrica di Roma”

next
Articolo Successivo

Siccità a Roma, Acea: “Riduzione della pressione dell’acqua di notte”. Rischia di rimanere a secco “chi abita ai piani alti”

next