Tre cadaveri, legati tra loro, avvistati sul ghiacciaio del Miage sul Monte Bianco. A trovarli è stato un alpinista francese che ha segnalato la scoperta alla centrale unica di soccorso della Valle d’Aosta. Al momento non si conosce l’esatta localizzazione.

Il soccorso alpino della Guardia di finanza di Entreves sta operando sul posto per definire l’esatta posizione e per organizzare il recupero che avverrà non prima di giovedì a causa del maltempo.

L’incidente risale con ogni probabilità a tempi non recenti, più precisamente alla fine degli anni Novanta. Vicino ai cadaveri è stato infatti rinvenuto un portafoglio contenente una carta di identità tedesca rilasciata nel 1995. I tre, secondo quanto ricostruito finora, sarebbero stati i componenti di una cordata dati per dispersi una ventina di anni fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti Roma, lo sgombero dopo 5 giorni: soluzione temporanea solo per una parte. Resta l’accampamento

next
Articolo Successivo

Sgomberi a Roma, la guerra ai poveri spacciata per emergenza migranti

next