È stato identificato l’aggressore di Daniele Bariletti, il giovane di 24 anni pestato all’interno della discoteca Vanilla Club di Jesolo la notte di ferragosto. Gli investigatori sono riusciti a risalire al responsabile, che era fuggito dopo il pestaggio, attraverso le immagini video riprese nel locale e il racconto dettagliato di alcuni testimoni. Dopo essere stato sottoposto a due delicati interventi chirurgici, Daniele si è svegliato giovedì e si sta lentamente riprendendo.

Il giovane si trovava all’interno del privé del locale insieme alla ragazza e a un gruppo di amici, quando è stato avvicinato dall’aggressore che, probabilmente in stato di alterazione, gli ha gettato addosso una bevanda. Quando il 24enne ha reagito l’altro gli si è lanciato contro, colpendolo con due pugni al volto. Pochi secondi e il giovane è crollato a terra, soccorso dai coetanei con i quali, fino a pochi minuti prima, stava festeggiando.

Una prima descrizione dell’aggressore era stata fornita dal padre di Daniele, che dopo aver raccolto le testimonianze dei presenti, ha dichiarato al Corriere del Veneto: “Un’età compresa tra i 24 e i 28 anni, corporatura impostata, alto un metro e 90, biondo con gli occhi azzurri”. Secondo quanto afferma l’uomo, il giovane sarebbe stato anche fermato dal personale di sicurezza del locale, ma “lasciato andare senza neppure accertarne le generalità, suggerendo agli amici di nostro figlio di chiamare il 118 incuranti della gravità della situazione”.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, carretta del mare sulle coste dell’agrigentino. In 90 sbarcano sotto gli occhi dei turisti

next
Articolo Successivo

Forestali, dietro il ricorso contro Madia l’ex elicotterista che non poté volare su Rigopiano

next