Un pisolino sul materassino durato ben tre giorni e 64 chilometri. Protagonista della vicenda Mykhaylo Doroshenko, un 18enne ucraino di Lazurnoye, cittadina costiera della regione di Kherson, che, trascinato dalle forti correnti mentre si era appisolato su un materasso gonfiabile, si è risvegliato nel bel mezzo del Mar Nero, tra Ucraina e Crimea. L’avventura ha rischiato di trasformarsi in una tragedia poiché il tratto di mare, viste le tensioni tra Kiev e Mosca sulla penisola crimeana, è alquanto privo di traffico.

Il ragazzo è rimasto così per tre giorni in balia delle onde, con temperature diurne vicine ai 40 gradi, finché non ha raggiunto le coste della Crimea lo scorso 5 agosto, nella baia di Karkinitsky, dove è stato salvato e condotto all’ospedale di Chernomorskoye in uno stato di acuta disidratazione. “Il secondo giorno, quando non riuscivo più a vedere la costa, ho realizzato che quello che mi era accaduto non era tanto divertente – commenta il ragazzo ai microfoni dell’emittente russa Ren TV  – Ero sconvolto, mi sono messo a piangere, poi ho cercato di ripararmi come meglio potevo. Ho cercato di farmi notare da diverse navi di passaggio”.

La prima a riportare la storia, finita poi sulla Bcc, è stata l’agenzia russa Ria Novosti. Le autorità stanno lavorando per farlo rientrare, missione non semplice viste le tensioni tra Ucraina e Crimea: non è ancora noto infatti come verrà riportato a casa.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yemen, almeno 50 migranti lasciati annegare dallo scafista. Oim: “Strage”

next
Articolo Successivo

La Corea del Nord: “Pronti ad attacco a Guam già ad agosto”. I generali: “Trump privo di ragione, funziona solo la forza”

next