Un quarto di secolo. Tanto è passato dalla straordinaria impresa del Destriero e del suo equipaggio, guidato da Cesare Fiorio: il record di velocità nella traversata dell’Atlantico. Portata a termine all’alba del 9 agosto 1992 in un tempo che è ancora un primato: 58 ore, 34 minuti e 50 secondi. In particolare, 3016 miglia dal faro di partenza di Ambrose al faro di arrivo a Bishop Rock percorse alla straordinaria media di 53,09 nodi, ovvero quasi 100 km/h (98,323, per la precisione). Numeri che gli anni non sono riusciti a scalfire. Così come l’orgoglio, per l’Italia, di aver messo in acqua la nave più veloce del mondo: quasi interamente in alluminio, 67,7 metri di lunghezza, dalla carena dislocante a prua e planante a poppa, con propulsione a idrogetti e 60.000 cavalli di potenza. Il Destriero venne costruito da Fincantieri tra il 1990 ed il 1991 nei cantieri di Muggiano e Riva Trigoso, in soli 270 giorni. Lo stato dell’arte, per l’epoca, di efficienza e tecnologia. Il che le fruttò l’ambito Nastro Azzurro: la “striscia” di seta azzurra simbolo dell’impresa compiuta, che da allora rimane issato sul pennone della sede dello Yacht Club Costa Smeralda a Porto Cervo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La sicurezza stradale? Quest’anno ce la spiega Diabolik

prev
Articolo Successivo

McLaren 570S Push Sports, la supercar tutta da giocare – FOTO

next