Un quarto di secolo. Tanto è passato dalla straordinaria impresa del Destriero e del suo equipaggio, guidato da Cesare Fiorio: il record di velocità nella traversata dell’Atlantico. Portata a termine all’alba del 9 agosto 1992 in un tempo che è ancora un primato: 58 ore, 34 minuti e 50 secondi. In particolare, 3016 miglia dal faro di partenza di Ambrose al faro di arrivo a Bishop Rock percorse alla straordinaria media di 53,09 nodi, ovvero quasi 100 km/h (98,323, per la precisione). Numeri che gli anni non sono riusciti a scalfire. Così come l’orgoglio, per l’Italia, di aver messo in acqua la nave più veloce del mondo: quasi interamente in alluminio, 67,7 metri di lunghezza, dalla carena dislocante a prua e planante a poppa, con propulsione a idrogetti e 60.000 cavalli di potenza. Il Destriero venne costruito da Fincantieri tra il 1990 ed il 1991 nei cantieri di Muggiano e Riva Trigoso, in soli 270 giorni. Lo stato dell’arte, per l’epoca, di efficienza e tecnologia. Il che le fruttò l’ambito Nastro Azzurro: la “striscia” di seta azzurra simbolo dell’impresa compiuta, che da allora rimane issato sul pennone della sede dello Yacht Club Costa Smeralda a Porto Cervo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sicurezza stradale? Quest’anno ce la spiega Diabolik

next
Articolo Successivo

McLaren 570S Push Sports, la supercar tutta da giocare – FOTO

next