Avrebbe dovuto lavorare in un albergo di Cervia, in provincia di Ravenna, ma si è visto respingere l’assunzione perché di pelle nera. Il protagonista è un giovane italiano, Paolo, residente a Milano, che aveva ormai perfezionato l’accordo con l’hotel romagnolo. Ma quando ha inviato la fotocopia della sua carta d’identità al proprietario della struttura, ha ricevuto un freddo sms di risposta: “Mi dispiace Paolo, ma non posso mettere ragazzi di colore in sala. Qui in Romagna la gente è molto indietro con la mentalità. Scusami ma non posso farti venire giù. Ciao”.

La storia è stata raccontata dalla Filcams-Cgil che sta preparando una vertenza per sostenere in tribunale il caso del giovane italiano di colore. Il fatto – riferiscono Manuela Trancossi della segreteria provinciale della Cgil e Paolo Bragaglia dell’ufficio vertenze del sindacato – risale al 18 giugno scorso. Paolo, tra l’altro, vanta già alcune esperienze lavorative nel settore turistico e ricettivo, anche in Riviera. Ed era ormai pronto a trasferirsi fino a settembre nell’hotel di Cervia per la stagione estiva.

“Siamo di fronte a un evidente caso di discriminazione razziale – dicono i responsabili della Filcams-Cgil – in cui a un danno patrimoniale per avere perso la stagione lavorativa si somma l’umiliazione e la profonda ingiustizia di cui si è vittima. Siamo certi che la Romagna saprà distinguersi dall’inaccettabile connotazione riservatale dall’albergatore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, Alessandra e Giovanni sono stati aiutati. Grazie ai lettori

next
Articolo Successivo

Baranzate, dove il mondo è in una strada: straniero uno su 3. “Problemi? Certo. Ma il rischio è che diventiamo fratelli”

next