Nel corso del dibattito sulla proposta dell’abolizione dei vitalizi e sulla nuova disciplina dei trattamenti pensionistici dei membri del Parlamento e dei consiglieri regionali, l’onorevole Sergio Pizzolante (Ap) si lancia in una personalissima difesa del vitalizio: “Io ho un figlio che fa l’imprenditore, quando hanno saputo che era figlio di un onorevole, le banche gil hanno bloccato i fidi. Ai deputati e ai figli dei deputati si è stabilito l’impedimento di una serie di attività perché così vuole la demagogia. Siamo in una sorta di limbo. Allora significa che l’attività parlamentare è importante e deve avere una sua indipendenza, non dobbiamo essere dipendenti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, se passa legge per il ricalcolo D’Alema e Fini perdono 2.200 euro al mese, Marini 2.500 e Bertinotti 1.900

next
Articolo Successivo

Vitalizi, la Camera approva l’abolizione. Forza Italia non vota: ‘È incostituzionale’. Via libera dopo 24 ore di polemiche

next