A Lariano, in provincia di Roma, il flusso idrico é razionato per la siccità dal 28 giugno e i forni che producono il celebre pane locale casareccio fronteggiano lo stop al flusso dalle 19 alle 7 e in alcune zone per 24 ore ogni due giorni. Ma in alcune zone più in allto, non arriva da 4 mesi. I panificatori si sono attrezzati con serbatoi di riserva: di giorno raccolgono l’acqua e di notte la usano per lavorare. Ma le difficoltà non sono poche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pisa, senegalese minaccia i passanti con un coltello da macellaio al bar della stazione. Il video dell’arresto

next
Articolo Successivo

Colosseo, Consiglio di Stato: “Sì a Parco archeologico. Possibile la nomina di direttori non italiani”

next