“Lo sciocco che crede di arrivare primo da solo non considera che quelli che sono rimasti indietro si uniranno e faranno tombola”. Riecco Ciriaco De Mita, riecco la nostalgia della Dc .   L’ex segretario dello scudo crociato non parla esplicitamente di rifarla. Ma che “manchi all’opinione pubblica”, questo sì. “Non c’è più il bipolarismo“, spiega nel corso del suo intervento al convegno dal titolo “Popolari al bivio“, con Angelino Alfano, Gianpiero D’Alia, Lorenzo Dellai, Giuseppe De Mita e Marco Follini oggi a Roma nella splendida cornice di Palazzo Santa Chiara. “Ci sono i grillini e c’è il centrodestra. A me Berlusconi non è mai piaciuto, non ci siamo mai presi. Me lo diceva anche mia madre: con Berlusconi mai. Ma è bravo. Quindi di qua c’è una maggioranza. Ma siccome è bravo ne fa due, di maggioranze, per non sbagliare. Poi ci sono due pezzi del Pd che si fronteggiano. E nella pubblica opinione c’è una sorta di nostalgia della politica. E, nella storia, la politica coincide con la Dc“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Livorno, “azienda dell’acqua privatizzata scaricando i debiti sul Comune: per i cittadini resta un conto da 41 milioni”

prev
Articolo Successivo

Pd e post-comunisti, lì dove abbondano veleni e vecchi attrezzi

next