Nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del comune di Milano, dopo il blitz in consiglio di militanti di Casa Pound. Le hanno annunciate il sindaco Giuseppe Sala e il prefetto Luciana Lamorgese. “Chiunque entra dovrà lasciare un documento, che sia un visitatore o un fornitore – ha spiegato Sala -. E aggiungeremo un paio di vigili con metal detector portatili per verifiche a campione. Ma vogliamo lasciare l’idea di Palazzo Marino aperto, di casa dei milanesi”. L’irruzione degli estremisti di destra ha accelerato l’assunzione di provvedimenti già previsti: “Oggi occorre che ci siano queste misure – ha detto il prefetto – come ci sono in tutti gli uffici pubblici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd e post-comunisti, lì dove abbondano veleni e vecchi attrezzi

next
Articolo Successivo

Caso “ombrelline”, quando Di Maio rifiutò di essere coperto durante un comizio a Reggio Emilia

next