“Se questo obbrobrio del ddl Lorenzin sui vaccini dovesse passare, partiremo subito con la raccolta firme”, promette Bartolomeo Pepe, senatore ex M5S oggi in quota Gal. “E che Dio ci dia una mano”. I vaccini “puliti, senza le multinazionali” – come fa eco il biologo Franco Trinca – sono i protagonisti di un incontro organizzato al Senato dall’ex grillino. Sotto accusa “alluminio, formaldeide e residui di mercurio” con cui sono fatti, spiega Pepe, i vaccini oggi: Sostanze tossiche per tutti”, dice l’immunologo Giuseppe Genovesi. “Non è una questione di vaccini sì vaccini no, ovviamente. È questione di affrontare i tema come si deve. E siamo in grado di farlo”.

“Abbiamo presentato un esposto all’Anac e a Raffaele Cantone per agire sui conflitti di interesse legati alle multinazionali farmaceutiche nelle istituzioni”, dice il presidente Codacons Carlo Rienzi. “L’80% di coloro che hanno scritto il piano vaccinale biennale è stato in rapporti economico-finanziari con le case farmaceutiche. Queste persone devono andare fuori dal ministero, dall’Aifa, dalle istituzioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cappato distribuisce cannabis terapeutica davanti al Pirellone: “Regione non discute proposta di legge danneggiando i malati”

next
Articolo Successivo

Gay Pride a Milano, oggi come 25 anni fa abbiamo celebrato l’unione civile di Antonello e Alessandro

next