“Non dobbiamo cambiare il nostro stile di vita, si dice in questi giorni, la libertà non consiste soltanto nell’andare in un ristorante, ma nella privacy dei cittadini. Alla democrazia non si può abdicare, no alla tentazione di alcuni governi di limitare le libertà per garantire sicurezza“. Così il professor Stefano Rodotà a margine di un convegno sui partiti al teatro Umberto di Roma all’indomani degli attentati di Parigi del 12 novembre 2015. E le misure messe in campo dal governo? “Per il momento sono slogan come taggare, controlli alla playstation, ma vorrei sapere come si declinerà tutto ciò, con quali garanzie. Dico no a un provvedimento amministrativo perché deve essere il Parlamento a discutere di libertà fondamentali” di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Bocche cucite con ago e filo da giorni, la protesta di alcuni migranti a Lampedusa: “Libertà, non rimpatri”

next