Sit-in di protesta di risparmiatori al tribunale di Arezzo, dove si è svolta l’udienza preliminare davanti al gup Giampiero Borraccia per la bancarotta di Banca Etruria. Arrivati da tutta la Toscana ma anche dal Lazio, i risparmiatori divisi in due comitati Vittime Salvabanche e Azzerati, hanno inscenato una manifestazione pacifica ma con slogan forti contro l’ex presidente del consiglio Matteo Renzi e i suoi collaboratori e contro la banca. Al grido di “ladri ladri” i risparmiatori hanno piantonato il tribunale peraltro blindato da un ingente numero di polizia e carabinieri.Sul banco del gup oltre 2.500 richieste di costituzione di parti civili. Tra loro anche il comune di Arezzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Petrolio, guerre e clima: siamo catastrofisti? No, ragionevolmente previdenti

next
Articolo Successivo

Alitalia, perché i conti non tornano

next