No alla deroga per il doppio mandato e no alle alleanze. Beppe Grillo ha scelto di intervenire sul blog ufficialmente con un brevissimo post per ribadire quelli che lui definisce “principi inderogabili”. Una decisione che è arrivata a poche ore dal flop alle elezioni amministrative e dopo che nel Movimento alcuni hanno espresso perplessità sulla regola che impedisce di fare più di due mandati. “Le regole del Movimento 5 Stelle”, si legge, “si basano sui nostri principi e non sono derogabili. Il limite dei due mandati è una di queste regole”. Il post si intitola “i puntini sulle i” e il tono non lascia spazio a discussioni.

La mattina dopo il voto era stato il fedelissimo e rappresentante della piattaforma Rousseau Massimo Bugani a definire la regola del doppio mandato “un freno” che penalizza al momento delle amministrative. In tanti infatti hanno scelto di non correre per il secondo mandato a livello locale, puntando invece a correre per le nazionali. La sua riflessione, pur essendo una persona molto stimata da Grillo, era caduta nel vuoto. Oggi è stato invece il deputato Girolamo Pisano, in un’intervista a Repubblica, a definire la regola “un’inutile tabù”. Da qui l’intervento di Grillo: “Chi pensa che le nostre regole fondanti siano ‘inutili tabu’ è libero di pensarlo ed è anche libero di trovare un partito che lo candidi alle prossime elezioni”. Infine il leader M5s ha chiuso ribadendo il no agli accordi con gli altri partiti: “Il Movimento 5 Stelle non fa alleanze né con il Pd, nè con la Lega, nè con altri. Quando andremo al governo presenteremo al Parlamento i nostri punti del programma di governo”. Questa precisazione deriva dal fatto che, dopo l’adozione della linea dura sul tema immigrazione, in tanti hanno iniziato a parlare di una convergenza con la Lega Nord. Un’ipotesi che Grillo ha voluto smentire ufficialmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Penale, ok alla Camera: è legge. La maggioranza si regge a fatica: il ministro Costa vota no, Ap esce, Mdp si astiene

next
Articolo Successivo

Pd, Prodi: “Io candidato premier? Non lo faccio. Sono un felice pensionato”

next