“Meglio votare il prima possibile“, dicono alcuni. “A questo punto si vada a elezioni a scadenza naturale“, rispondono altri. All’indomani dello stop all’accordo sulla legge elettorale, che sembra far sfumare la prospettiva di un rapido scioglimento delle camere, abbiamo ascoltato le opinioni dei cittadini in strada sulla più opportuna exit strategy da questa accidentata legislatura. C’è chi ammonisce: “Facciano presto, una campagna elettorale lunga un anno non ha senso”. E chi argomenta: “La cosa importante non è quando si vota, ma che dalle prossime elezioni esca un vincitore certo in grado di governare il paese”. “Per cambiare c’è una sola strada: votare”, taglia corto qualcuno. “No, è ancora possibile trovare un accordo con calma per una buona legge elettorale”, spiegano altre voci. Nel frattempo, ricorda uno dei cittadini interpellati, ci sarebbe un paese da governare, leggi importanti da approvare e “Gentiloni non sta facendo male”. E voi che ne pensate? Ridare la parola agli elettori rimane la priorità, previa l’armonizzazione delle leggi elettorali vigenti, o è più opportuno, nel contesto attuale, portare a termine la legislatura? di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Di Maio: “Basta tavoli col Pd”. Rosato: “Parola M5s vale nulla”

prev
Articolo Successivo

Virginia Raggi, i sindacati l’unico alleato: così tra rinnovo del contratto e Fabbrica Roma, la sindaca ha trovato una sponda

next