“Meglio votare il prima possibile“, dicono alcuni. “A questo punto si vada a elezioni a scadenza naturale“, rispondono altri. All’indomani dello stop all’accordo sulla legge elettorale, che sembra far sfumare la prospettiva di un rapido scioglimento delle camere, abbiamo ascoltato le opinioni dei cittadini in strada sulla più opportuna exit strategy da questa accidentata legislatura. C’è chi ammonisce: “Facciano presto, una campagna elettorale lunga un anno non ha senso”. E chi argomenta: “La cosa importante non è quando si vota, ma che dalle prossime elezioni esca un vincitore certo in grado di governare il paese”. “Per cambiare c’è una sola strada: votare”, taglia corto qualcuno. “No, è ancora possibile trovare un accordo con calma per una buona legge elettorale”, spiegano altre voci. Nel frattempo, ricorda uno dei cittadini interpellati, ci sarebbe un paese da governare, leggi importanti da approvare e “Gentiloni non sta facendo male”. E voi che ne pensate? Ridare la parola agli elettori rimane la priorità, previa l’armonizzazione delle leggi elettorali vigenti, o è più opportuno, nel contesto attuale, portare a termine la legislatura? di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Di Maio: “Basta tavoli col Pd”. Rosato: “Parola M5s vale nulla”

next
Articolo Successivo

Virginia Raggi, i sindacati l’unico alleato: così tra rinnovo del contratto e Fabbrica Roma, la sindaca ha trovato una sponda

next