“I leader del G7 ‘banchettano’ mentre 30 milioni di persone sono minacciate dalla fame”, è il messaggio lanciato con un flash-mob sul lungomare di Giardini Naxos. “Nel mondo ci sono 30 milioni di persone a rischio fame: bisogna trovare una soluzione alle crisi umanitarie e ai conflitti in Sud Sudan, Yemen, Somalia e Nigeria”. E’ l’appello che l’Oxfam invia ai Leader del G7 di Taormina sottolineando che il primo passo che possono compiere è stanziare circa la metà (circa 2,9 miliardi di dollari) dei fondi richiesti dall’Onu per far fronte alle più gravi emergenze umanitarie che il mondo stia vivendo oggi. E chiedendo attenzione e impegno anche sul fronte dei migranti e del clima.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pillola anticoncezionale a pagamento, i medici di famiglia: “Danno per donne più povere. In Italia solo l’aborto è gratis”

prev
Articolo Successivo

Carceri, rapporto Antigone: “Più persone in cella anche se i delitti diminuiscono. Cresce repressione verso margini società”

next