“I leader del G7 ‘banchettano’ mentre 30 milioni di persone sono minacciate dalla fame”, è il messaggio lanciato con un flash-mob sul lungomare di Giardini Naxos. “Nel mondo ci sono 30 milioni di persone a rischio fame: bisogna trovare una soluzione alle crisi umanitarie e ai conflitti in Sud Sudan, Yemen, Somalia e Nigeria”. E’ l’appello che l’Oxfam invia ai Leader del G7 di Taormina sottolineando che il primo passo che possono compiere è stanziare circa la metà (circa 2,9 miliardi di dollari) dei fondi richiesti dall’Onu per far fronte alle più gravi emergenze umanitarie che il mondo stia vivendo oggi. E chiedendo attenzione e impegno anche sul fronte dei migranti e del clima.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pillola anticoncezionale a pagamento, i medici di famiglia: “Danno per donne più povere. In Italia solo l’aborto è gratis”

next
Articolo Successivo

Carceri, rapporto Antigone: “Più persone in cella anche se i delitti diminuiscono. Cresce repressione verso margini società”

next