M5s? Ho avuto a che fare con 5 o 6 di loro, tutti giovani: dedicano 8 ore della loro giornata al lavoro in Parlamento e le altre 8 ore a studiare. Pagano queste ricerche autotassandosi e vivono quasi in topaie”. Lo rivela, nel corso di Omnibus (La7), Domenico De Masi, docente di Sociologia del Lavoro all’Università La Sapienza di Roma, rendendosi protagonista di un vivace botta e risposta con il giornalista Davide Giacalone e Giovanni Orsina, professore di Storia Contemporanea alla LUISS-Guido Carli di Roma. Ed è proprio quest’ultimo che obietta: “Lei ha visto giovani deputati del M5S che si danno da fare, che studiano e che lavorano. Anche noi li incontriamo e ci parliamo. Il problema è che poi concretamente il frutto di tutto questo in pubblico non lo vediamo. Insomma, se loro effettivamente si stanno preparando e stanno studiando, mi fa molto piacere, perché così sono meno atterrito da quello che invece vedo. Io li prendo molto sul serio, però oggettivamente non vedo i frutti di questa preparazione“. La conduttrice Alessandra Sardoni annuncia lo stacco pubblicitario e durante la sigla, in un fuorionda, si sente chiaramente la piccata replica di De Masi: “Ma perché? Voi in altri partiti vedete i frutti?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consip, Lillo: “Se le notizie escono a beneficio di Renzi e Lotti nessuno si indigna, se sono a beneficio di tutti diventa una vergogna”

prev
Articolo Successivo

M5s, monsignor Sigalini: “Movimento francescano? Grillo ha esagerato. Voucher? Errore eliminarli”

next