Il re delle slot Francesco Corallo, arrestato lo scorso dicembre assieme ad Amedeo Laboccetta nell’ambito di un’inchiesta internazionale della Dda di Roma su un giro di riciclaggio dei proventi del mancato pagamento delle imposte sul gioco online, il 16 maggio è stato trasferito nell’aula di Giustizia del tribunale di Sint Maarten, protettorato olandese. Nel tribunale della cittadina caraibica era fissata la prima udienza per la richiesta di estradizione avanzata dall’Italia. Davanti al tribunale si è radunato un folto gruppo di dipendenti di Francesco Corallo, circa 300 persone, che hanno manifestato a supporto dell’imprenditore. I lavoratori del Gruppo facente capo a Corallo chiedono il rilascio del titolare delle Società in cui lavorano, al fine di salvaguardare l’occupazione. Secondo le procedure giudiziarie in vigore nel Protettorato Olandese, i tempi previsti per il dispositivo finale di estradizione possono ragionevolmente essere stimati in dodici mesi.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russiagate, Trump nomina Mueller procuratore speciale: è l’ex direttore Fbi. Indipendenti: “Ora rischio impeachment”

next
Articolo Successivo

Impeachment per Trump? Si fa presto a dire Watergate

next