Boschi ha mentito, deve andare a casa. Gentiloni venga in Aula a riferire”. Sul caso Etruria è Luigi Di Maio (M5s) a rilanciare l’attacco alla sottosegretaria alla presidenza del Consiglio. “Quando è venuta in Aula nel dicembre 2015 a dire ‘non mi sono mai occupata di Banca Etruria‘, ha mentito, ricevendo la fiducia di Montecitorio. Adesso il governo deve ritornare in Aula e dirci che ha intenzione di fare”. Per poi continuare: “Hanno passato tre anni ad occuparsi della banca del padre della Boschi. La verità di questa storia – ha proseguito il deputato – è che non appena si sono insediati, hanno fatto già una riunione a casa della Boschi per cercare di salvare Banca Etruria. Poi dopo l’insediamento del governo Renzi, che doveva essere quello dei rottamatori, hanno provato tutto l’anno con incontri con i massoni a salvare quella banca”. E ancora: “Hanno pure fatto un decreto sulle popolari per renderla appetibile. E poi la Boschi è andata a venderla ad Unicredit, la quale si è guardata bene dal farsi fare questo pacco”, ha concluso l’esponente M5s, invitando Gentiloni a riferire in Aula sul caso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaccini, Di Battista: “La gratuità è più importante dell’obbligatorietà”. Lorenzin su Twitter: “Sono già gratis”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, l’inerzia delle primarie spinge un altro po’ il Pd: con i Cinquestelle ricomincia il testa a testa

next