Niente da fare. Manuel Valls non sarà candidato con En Marche. L’ex primo ministro socialista non soddisfa “fino ad oggi” le condizioni per la sua candidatura alle legislative con il movimento del neo presidente francese Emmanuel Macron. Ad annunciarlo, come riportano i media francesi, è stato il presidente della Commissione investiture del nuovo partito, Jean-Paul Delevoye,

“Al momento la richiesta di investitura di Manuel Valls non soddisfa i criteri per l’accettazione da parte di En Marche”, ha detto Delevoye, ricordando di avere “già indicato un candidato per la circoscrizione dell’Essonne“. Il movimento “non ha la vocazione al riciclaggio. Abbiamo invece vocazione a costruire una nuova offerta politica per i cittadini”, ha aggiunto.

La lista completa dei candidati investiti per la République en Marche! sarà annunciata domani. A proporsi come candidato del movimento di Macron per le elezioni dell’11 e 18 giugno era stato lo stesso Valls. Anzi per la verità l’ex premier aveva addirittura annunciato alla radio Rtl di essere “candidato della maggioranza presidenziale”. Un salto sul carro del vincitore in piena regola che però ha trovato le porte chiuse di En Marche. E per l’ex premier adesso oltre al danno arriva anche la beffa. Il Partito socialista francese  ha reso noto di aver avviato una procedura di espulsione nei suoi confronti. “Una procedura è in corso, Manuel Valls è stato deferito davanti alla commissione dei conflitti”, ha annunciato il segretario, Jean-Christophe Cambadelis.  “Nel Ps non è come nel Front National, a En Marche! o alla France insoumise – ha aggiunto – non è il capo che decide chi espellere. Ci sono delle procedure”. Valls, che si era dimesso da premier per candidarsi alle primarie presidenziali dei socialisti (dove era stato battuto da Benoit Hamon), ieri aveva definito “morto” il Partito socialista.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump licenzia il capo dell’Fbi James Comey: indagava sui rapporti tra il tycoon e la Russia

prev
Articolo Successivo

La compagnia cancella 300 voli e in aeroporto scoppia il caos. Ecco come reagiscono i passeggeri

next