“Le parole di Matteo Renzi? Un prologo, non è entrato nei dettagli. Niente polemiche, è la sua festa e non vogliamo rovinargliela. Ma adesso niente sconti sui contenuti”. Lasciando l’assemblea nazionale del Partito democratico, Michele Emiliano evita attacchi frontali al neo segretario, nel giorno della nuova “incoronazione”, dopo i toni polemici tra i due in campagna elettorale per le primarie. Ma Emiliano annuncia di voler dare battaglia, seppur “in modo costruttivo”: “La realtà è che Renzi non sa ancora dove andare, sa che farsi tirare dentro la questione della legge elettorale è rischioso. Ora aspettiamo di capire. Magari già in Direzione”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli errori

next
Articolo Successivo

Boschi commissario di Gentiloni e dissenso interno azzerato: così nasce il nuovo corso del Pd di Renzi

next