“Le parole di Matteo Renzi? Un prologo, non è entrato nei dettagli. Niente polemiche, è la sua festa e non vogliamo rovinargliela. Ma adesso niente sconti sui contenuti”. Lasciando l’assemblea nazionale del Partito democratico, Michele Emiliano evita attacchi frontali al neo segretario, nel giorno della nuova “incoronazione”, dopo i toni polemici tra i due in campagna elettorale per le primarie. Ma Emiliano annuncia di voler dare battaglia, seppur “in modo costruttivo”: “La realtà è che Renzi non sa ancora dove andare, sa che farsi tirare dentro la questione della legge elettorale è rischioso. Ora aspettiamo di capire. Magari già in Direzione”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli errori

next
Articolo Successivo

Boschi commissario di Gentiloni e dissenso interno azzerato: così nasce il nuovo corso del Pd di Renzi

next