Razer, marchio statunitense dedicato al mercato delle periferiche e dei sistemi da gaming, nella giornata di ieri ha presentato il Lancehead, un nuovo mouse wireless che integra la tecnologia AFT (Adaptive Frequency Technology) che permette al mouse di scegliere in autonomia un canale privo di interferenze tra quelli della banda a 2,4GHz, cambiandolo se necessario, in modo da ottenere la migliore connessione possibile con il PC, garantendo tempi di risposta molto vicini a quelli dei mouse cablati.

Il Razer Lancehead è dotato di un sensore laser di quinta generazione (16000DPI e tracciamento a 210 pollici al secondo), di switch meccanici sviluppati da Razer per i pulsanti, ed integra il sistema di illuminazione Razer Chroma. Il mouse sarà equipaggiato con una memoria interna che permetterà di memorizzare i settaggi personali direttamente sul dispositivo, oltre che sul cloud, permettendo di utilizzarle rapidamente anche in assenza di connessione; il tutto verrà gestito da Razer Synapse PRO, la nuova versione, attualmente in BETA, del software per la gestione dei dispositivi Razer, soddisfando finalmente le richieste di fan e clienti del marchio. La batteria invece dovrebbe garantire circa 24ore di utilizzo con l’illuminazione rgb attiva.

In contemporanea è stato presentato il Razer Lancehead Tournament Edition, potremmo definirlo in modo riduttivo la versione cablata del primo, che vede il sensore laser sostituito da un sensore ottico da 16000DPI con tracciamento fino a 450pollici/secondo, restano identici su entrambi invece l’aggressivo design ambidestro con le “prese d’aria” anteriori e grip gommati laterali, la colorazione canna di fucile, ed i 9 pulsanti programmabili.

Il Razer Lancehead è già preordinabile su razerzone.com, lo store ufficiale di Razer, con disponibilità prevista tra maggio e giugno al prezzo di 149,99€, mentre il Razer Lancehead Tournament Edition sarà in vendita a partire da maggio al prezzo di 89,99€

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Call of Duty: WWII, la guerra tra Alleati e Asse ritorna nell’ultimo capitolo dello sparatutto di Activision

next
Articolo Successivo

PG Finals: al Teatro Principe di Milano dal 19 al 21 Maggio i tornei di Overwatch e Call of Duty targati Personal Gamer

next