Fakebook annuncia battaglia alle fake news, in particolare a quelle diffuse dai governi. In un rapporto diffuso giovedì, il social network di Mark Zuckerberg ha spiegato quali iniziative ha intrapreso per contrastare il proliferare di notizie e profili falsi, partendo da un obiettivo chiaro: le Information operations di governi o altri soggetti organizzati, definite come i tentativi di propaganda e manipolazione dell’informazione orchestrati direttamente dagli Stati per influenzare l’opinione pubblica nel proprio paese o all’estero.

L’esempio citato nel rapporto è quello delle ultime elezioni Usa, in cui – si legge – sono stati creati account falsi per diffondere informazioni rubate. Tuttavia, viene anche specificato che il volume di queste attività è stato “statisticamente molto piccolo rispetto al coinvolgimento generale nei confronti di questioni politiche”. Forte di questa esperienza, Facebook fa sapere di avere già intrapreso azioni di contrasto: in Francia, dove sono in corso le presidenziali,  sono già stati rimossi oltre 30 mila account falsi.

Per la prima volta quindi, il social network sta chiaramente dicendo che è al corrente dei tentativi di distorsione della realtà attuati da governi e altre organizzazione tramite i suoi canali e non intende tollerarli. Nel rapporto vengono descritte anche le “combinazioni di metodi” utilizzate per “manipolare l’opinione pubblica”: oltre alle fake news e alla disinformazione in generale, anche una rete di account creati ad hoc – si legge – per fare da “falsi amplificatori“.

Il social network descrive gli sforzi articolati e ben finanziati da parte di Stati e altre organizzazioni per diffondere informazioni fuorvianti e falsità a fini geopolitici. Per questo Facebook ha individuato una strategia per identificare i profili falsi, in base al loro comportamento, riuscendo così a rimuoverli. Il report, di 13 pagine, è stato scritto da due analisti della sicurezza con lunga esperienza alle spalle nelle ditte di cyber-sicurezza FireEye Inc e Dell SecureWorks, insieme al chief security officer di Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fake news e libertà di stampa, la disinformazione all’italiana in quattro punti

next
Articolo Successivo

Turchia, bloccato l’accesso alla pagina di Wikipedia: “Fa campagna nociva contro il Paese”

next